Close
micosi all'orecchio

Micosi all’orecchio: cos’è e come prevenirla

La micosi all’orecchio è un’infezione del canale uditivo provocata dalla comparsa di alcuni funghi proprio all’interno dell’orecchio. Si tratta per lo più di funghi appartenenti al genere aspergiullus, ma non sono rari casi di candida albicans. Colpisce maggiormente in estate, quando il caldo e l’umidità creano condizioni favorevoli allo sviluppo e alla proliferazione si questi organismi.

Dal punto di vista “estetico”, chi soffre di otomicosi può notare alcune tracce di secrezioni gialle o biancastre all’interno dell’orecchio, accompagnate da sangue e cattivo odore (otorrea). Dal punto di vista dei sintomi invece, dapprima si presenta un leggero ma costante prurito. Successivamente, subentra il dolore, in alcuni casi anche moto forte (otalgia). Infine, si può riscontrare un calo dell’udito. L’infiammazione del canale uditivo infatti rende più difficoltose la ricezione e la trasmissione dei suoni.

In questo articolo vi daremo alcuni consigli su come prevenire la micosi all’orecchio e su come trattarla.

Come prevenire la micosi all’orecchio?

Come abbiamo detto in precedenza, la micosi all’orecchio è causata dai funghi, che proliferano in ambienti umidi e caldi come il condotto uditivo. Il modo miglior per prevenire l’otomicosi è quello di non creare un habitat ospitale per i funghi.

Per prima cosa quindi, assicuratevi di avere sempre le orecchie asciutte. Dopo aver fatto la doccia o lo shampoo, utilizzate un asciugamano per asciugarle con cura. Se avete la sensazione che qualche gocciolina d’acqua sia rimasta intrappolata nel condotto uditivo, allora potete utilizzare il phon. Attenzione a non utilizzare i cotton fiocc, soprattutto se c’è già un sospetto di micosi all’orecchio o se avete la pelle delicata. L’azione dei bastoncini di cotone può danneggiare la cute, macerandola, o spingere i funghi anche nella parte più interna dell’orecchio.

Il secondo consiglio per prevenire l’otomicosi è quello di utilizzare i tappi per le orecchie quando siete al mare o in piscina. L’acqua della piscina in particolare, anche se contiene cloro e altre sostanze disinfettanti, può comunque favorire la comparsa dei miceti. Anzi, l’azione del cloro o del sale nel caso del mare può irritare la cute e creare un ambiente favorevole ai funghi.

Come trattare l’otomicosi

Alcuni sintomi della micosi all’orecchio, come il prurito o l’ipoacusia temporanea, sono comuni anche ad altre patologie. Come fare dunque a riconoscerla? Un primo indizio può essere il fatto che i sintomi compaiano relativamente ad un solo orecchio. L’otomicosi infatti è quasi sempre monolaterale. Tuttavia, solo l’otoscopia, eseguita da uno specialista, può dare una diagnosi certa.

Per quanto riguarda il trattamento della micosi all’orecchio, vengono somministrati antimicotici sottoforma di pevisione di latte dermatologico. Nei casi in cui si sospetti anche un’infezione di tipo batterico, si associano dei lavaggi con soluzioni antisettiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *